Ogni giorno utili notizie del Doc nella tua mail, gratis e senza spam:

31 agosto 2010

Vale più l'inchiostro di una stampante oppure il petrolio?

Ciao a tutti lettori,
valore cartuccia stampantetra le mail che ricevo, alcune hanno un argomento che è spesso menzionato, molti fanno notare il costo elevato delle cartucce di stampa per la propria stampante a getto d'inchiostro, capita non di rado che il costo della cartuccia sia superiore a quello della stampante.

Oggi ho fatto una prova comparativa, ho confrontato il costo di un litro di inchiostro nero per una diffusa stampante a getto di inchiostro, rispetto al costo di un litro di petrolio, di un pregevole aceto balsamico e di un vino Barolo del 1990.
Prima di iniziare la prova, pensateci un attimo, secondo voi quale costa di più?

Ho utilizzato il sito trovaprezzi.it per visualizzare i prezzi delle cartucce originali per le stampanti.

La cartuccia per una delle stampanti più presenti sul mercato è venduta ad un prezzo di 11,91€.
Questa cartuccia contiene 5 ml di inchiostro, possiamo supporre, togliendo il prezzo della confezione e del serbatoio, che il costo sia per 5 ml di 5€.
Significa che 1 L di inchiostro nero costa 1.000€.

Adesso inizia il confronto:

Questi prezzi sono nulla al confronto dei 1000€ al litro di una cartuccia per stampante a getto d'inchiostro!

Il mio consiglio è di depositare la vostra cartuccia nel caveau di una banca al più presto!

Vota adesso "Il Dottore dei Computer", candidato ai Blog Award 2010! Tutte le istruzioni a questo indirizzo!

In passato ho scritto un articolo per come essere ecologici con la stampante e qualche consiglio per aumentare il tempo di vita della stampante.

Ciao
Doc.

4 commenti :

[ B a z ] ha detto...

...in realtà potrebbe essere la CARTUCCIA a costare un botto e l'inchiostro contenuto pochissimo..
inoltre non consideri la dimensione del contenitore e quindi il quantitativo acquistato (più ne prendi meno spendi al litro).
Prova a farti fare le cartucce cariche di petrolio e poi ci dici se costano 0,00...€!!!

(ovviamente è una provocazione scherzosa... anche se fondata) :-))

Ciukino ha detto...

Evidentemente non sapendo cos’altro fare nella vita si è messo a fare queste cose ... meditate gente

Anonimo ha detto...

Chiaramente il ragionamento fila. Dovrebbero venderle direttamente le case le ricariche di inchiostro, invece di farci cambiare la cartuccia ogni volta!

Anonimo ha detto...

dovrebbe esserci una autorità indipendente che impedisca questo tipo di speculazioni, in quanto, in realtà, le case produttrici tendono a guadagnare non tanto sul prodotto ma sul ricambio. Come i rasoi, dove le lame di ricambio costano cifre incredibili. E che cosa dire delle stampanti che vengono vendute con una cartuccia per poche copie?

Posta un commento

I messaggi pubblicitari, offensivi, polemici o non inerenti al post NON saranno pubblicati.
Ricordatevi di scrivere il vostro NOME e PROVINCIA da dove state scrivendo.

Scrivi la tua mail e ricevi utili consigli ogni giorno dal Doc: