Ogni giorno utili notizie del Doc nella tua mail, gratis e senza spam:

20 novembre 2014

Tim porta il Lte Advanced in alcune città italiane, scopri dove

0 commenti
Ciao a tutti cari lettori e lettrici del Dottore dei Computer,
oggi do spazio alla mail dell'amico Alessandro.

"Telecom ha finalmente rotto gli indugi, fungendo da apripista per l’introduzione della tecnologia Lte Advanced in buona parte d’Italia. 
La compagnia telefonica ex monopolista ha infatti confermato di aver lanciato su rete mobile Tim il 4G+, con velocità raddoppiata rispetto a quella disponibile sulle reti mobili italiane, e con connessioni fino a 180 Mbps. 
 Sempre secondo quanto annunciato da Telecom, e ricordato da SosTariffe.it, entro i primi mesi del 2015 la velocità sarà condotta a 225 Mbps
La sperimentazione del servizio era già stata effettuata a luglio, ma solamente ora la tecnologia è stata giudicata sufficientemente matura per un esordio in grande stile.

Il servizio 4G+ è oggi disponibile per i clienti Tim di Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Firenze, Bari, Catania, Messina, Taranto, Brescia, Prato, Reggio Calabria, Livorno, Salerno, Siena, La Spezia, Alessandria, Pistoia, Catanzaro, Pisa, Lucca, Pescara, Novara, Savona, Sanremo, Carrara, Latina, Cuneo, Viterbo, Teramo, Campobasso, Arezzo, Caserta, Grosseto, Viareggio, Asti, Benevento, Torre del Greco, Pozzuoli, Matera, Cremona, Massa, Potenza, Castellammare di Stabia, Afragola, Vigevano, Fiumicino, Aprilia, Legnano, Marano di Napoli, Pomezia, Tivoli, Battipaglia, Anzio, Sesto Fiorentino, Busto Arsizio, Mugnano di Napoli e Giugliano in Campania.".

Rimanendo in tema di telefonia, ecco un rapido trucco per risparmiare batteria nello smartphone e perché sui prodotti Apple compare sempre come orario le 09.41 ?!

Ciao dal Doc!

19 novembre 2014

Vota la tua Immagine di Novembre! Scanner vs Europa

0 commenti
Ciao a tutti cari lettori e lettrici del Dottore dei Computer,
oggi vi propongo 2 immagini che hanno avuto molto successo nelle mie pagine social!

Sono ispirate alla "luce", in un contest Scanner vs Europa!

Vota la tua immagine preferita nel riquadro in basso... l'immagine vincitrice sarà annunciata nelle prossime settimane nelle pagine social del Dottore dei Computer!







Ciao dal Doc!

18 novembre 2014

"Masque Attack", quando un Virus si Propaga per Colpa degli Utenti stessi

0 commenti
Ciao a tutti cari fans del Dottore dei Computer,
oggi l'oggetto della mia ARRINGA riguardo "Masque Attack".
Non è un nome di una crema per il viso, né di una super colla, quindi so già che molti di voi giustamente non avranno capito cosa diavolo sia.

"Masque Attack" è una importante vulnerabilità che è stata scoperta sui dispositivi iOS (il sistema operativo di iPhone e iPad per intenderci...).
Già con questa affermazione arrivo al PUNTO1: vi deve far capire come sia una leggenda metropolitana che "i prodotti Apple sono immuni da virus".

Ora vi dico una pillola che vi consentirà di fare parte di una ristretta parte di persone (stimo un 5%) che possono difendersi da soli, in quanto il metodo di infezione, stringi stringi, sfrutta una vulnerabilità degli utenti stessi: TANTE PERSONE CLICCANO SU "INSTALLA" SENZA RAGIONARCI UN SECONDO oppure senza perdere 5 secondi della propria esistenza per LEGGERE COSA C'E' SCRITTO NEL MESSAGGIO.

"Masque Attack" consente infatti ad app malevole di installarsi nel dispositivo sfruttando il servizio "iOS Developer Program Enterprise" che viene utilizzato dalle aziende per creare e installare app proprietarie nei dispositivi aziendali.

Il suo metodo di propagazione avviene grazie a link che possono essere ricevuti tramite mail o messaggio (attenti anche a certi SMS che prosciugano il credito telefonico), che invitano a scaricare app da fonti diverse dall'Apple Store.
Ed è proprio qua che sta l'inghippo, le persone tendono a fare "installa" appena vedono una qualsiasi finestra, senza leggere che è scritto più o meno "attenti, questa app proviene da uno sviluppatore non sicuro, vuoi davvero proseguire?". E qua subentra la malattia che colpisce tante persone, ovvero quella del AVANTI AVANTI AVANTI e INSTALLA INSTALLA INSTALLA, in maniera indiscriminata, qualunque possa essere la finestra che compare.

Quando il malware è installato, le app sembrano "esteticamente" uguale in tutto e per tutto alle app originali che erano presenti sul dispositivo... solo che sono modificate ad-hoc per rubare dati personali, per questo sono molto difficili da individuare.

Apple ha anche realizzato un comunicato ufficiale, dove dà alcuni consigli in merito, per non incappare in questa problematica... il messaggio finale è che è importante installare applicazioni da siti sicuri come l'App Store, e non in altri store alternativi, dove si possono nascondere numerose insidie.

Se vi compare un avviso che vi chiede di installare\aggiornare una app che viene identificata come proveniente da un "Non attendibile sviluppatore di App", dovete premere su "Don't Trust" (non consenti) ed eliminare l'applicazione dal dispositivo.

A corredo di questo articolo ho messo una immagine dove compare la finestra con un attacco malevolo dove bisogna selezionare "Don't Trust", sempre se volete fare i bravi...

In merito a virus, attenti a Cryptolocker che chiede un riscatto per visualizzare i file e a "WhatsApp Gold Edition" che può rubarvi 36 euro con un click!

Ciao dal Doc!

17 novembre 2014

Guida Completa per Togliere la Notifica di Lettura in WhatsApp (2 spunte blu)

0 commenti
Ciao a tutti cari lettori e lettrici del Dottore dei Computer,
mi rivolgo ai tanti utilizzatori di WhatsApp (a proposito, attenti alla truffa "WhatsApp Gold Edition").

Come forse avete notato, da un po' di tempo compaiono due segni di spunta di colore blu a fianco dei messaggi che inviate: questa è la notifica di lettura. Quando compaiono significa che la persona dall'altra parte ha letto il vostro messaggio.
Ho trovato sul web varie guide approssimative, non chiare o con scritto inesattezze.
Vi spiego come togliere questa funzionalità, in modo che chi vi scrive i messaggi non potrà sapere se li avete effettivamente letti (e viceversa), l'ho provato personalmente e funziona.

Ad oggi (17.11.2014) scaricare l'app dal Google Play non serve a nulla, in quanto non viene scaricata l'ultima versione realizzata da WhatsApp.

La procedura per ora è funzionante con Android.

Come Togliere definitivamente la Notifica di Lettura in WhatsApp 
(...le 2 spunte blu...)

1. Dovete innanzitutto consentire di installare applicazioni al di fuori del Play Store. Per fare questo Impostazioni --> Sicurezza --> METTERE un segno di spunta a fianco di "Sorgenti sconosciute".

2. Visita (sempre con lo smartphone Android ovviamente), il sito www.whatsapp.com/android , poi premi su "Download Now".



3. Al termine dello scaricamento del file, avvialo semplicemente premendo sopra il file scaricato, dal nome WhatsApp.apk.



4.  Installandolo usando "Installer pacchetto" oppure "Verifica e installa", poi premi "Solo questa volta". Io in questo esempio ho usato "Verifica e installa".

5. Premi "Accetto".


6. Viene scritto che l'applicazione sarà aggiornata... premi su Ok.

7.  A questo punto l'app WhatsApp è aggiornata con l'ultimissima versione, non disponibile ad oggi sul Play Store. Premi su "Apri" per avviarla.

8. All'interno di WhatsApp, apri il menu "Impostazioni" (di solito lo si apre premendo uno dei tasti in basso nello smartphone), poi su "Account".

9. Seleziona Privacy


10. TOGLI il segno di spunta da "Read receipts".

In questo modo quando riceverai messaggi da WhatsApp chi ti scriverà non saprà se hai letto il messaggio (allo stesso modo tu non saprai se lo ha letto).

Ovviamente per questo e tante altre curiosità utili seguimi nella mia pagina Facebook del Dottore dei Computer che conta migliaia di fans!

Sempre rimanendo in tema di WhatsApp, scopri come pagarlo ad un amico!

Ciao dal Doc!

16 novembre 2014

Una Rarità Apple che Vale (quasi) un Milione di Dollari

0 commenti
Ciao a tutti cari fans del Doc,
quella che vedete in foto è una scheda madre del 1976.

E fin qua vabbè. Se ne avessi una in solaio probabilmente la butterei via immediatamente.

La cosa cambia però se vi dico che è una scheda madre (perfettamente funzionante) di un Apple 1 (1976), che era stata realizzata, come tutte, da Steve Wozniak nel garage di Steve Jobs.

Questa scheda è stata venduta recentemente all'asta a 905.000 dollari, il prezzo stimato di vendita era circa 350.000 dollari, ma l'esborso economico da parte dell'acquirente (per conto di un museo nel Michigan) alla fine è stato decisamente molto più importante!

Il prezzo è abbastanza pazzesco, in quanto alcuni mesi fa, un PC Apple 1 perfettamente funzionante, con inclusa una lettere di Steve Jobs destinata al suo acquirente originale, era stata venduta all'asta a 671.000 dollari.

Di Apple 1 ne esistono circa 200 esemplari, si stima che di questi ne esistano ancora 50-60 e solo 15 di questi siano ancora funzionanti.

Ecco un Apple 1 in tutta la sua "bellezza" (fonte foto):

Se avete un Apple 1 in solaio... avete un tesoro $$$ !

ps. Rio mi segnala questo video dove si può vedere che a Torino, hanno rimesso in funzione un Apple 1.

In merito ad Apple, scopri se davvero ha inventato tutto...

Ciao dal Doc!
Scrivi la tua mail e ricevi utili consigli ogni giorno dal Doc: